Leonard Cohen, uno dei più grandi cantautori di tutto il Novecento, musicista di livello, con le sue inconfondibili canzoni ha dato alla cinematografia quel tocco magico che le mancava, rendendo immortali molte opere cinematografiche. Dal suo amico Robert Altman a Nanni Moretti, da Rainer Weiner Fassbinder a Neil Jordan, passando per Werner Herzog, Quentin Tarantino, Oliver Stone , e molti altri registi che trovarono e continuano a trovare nelle sue canzoni il tassello mancante per il completamento delle loro opere.

Una classifica speciale, 25 lungometraggi, rigorosamente in ordine cronologico, che copre cinquant’anni della sua attività musicale, da quando il mondo del cinema lo scoprì e se ne innamorò a prima vista.

Difficile parlare di Leonard Cohen, uno dei cantautori più celebri, influenti e apprezzati della storia della musica. Vincitore di numerosi premi e onorificenze, è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame, nella Canadian Songwriters Hall of Fame e nella Canadian Music Hall of Fame. È inoltre stato insignito del titolo di Compagno dell’Ordine del Canada, la più alta onorificenza concessa dal Canada, suo paese natio. Parlare del suo corpus musicale in maniera sintetica è compito assai arduo,ancora di più è l’andare a selezionare 25 opere cinematografiche rese celebri e che hanno fatto sognare milioni di spettatori grazie alle sue canzoni.

Ma oltre alle opere cinematografiche, due sono i documentari essenziali sulla sua figura, due pietre miliari assolotamente da vedere per chiunque voglia approfondire il personaggio, il suo mondo, la sua magia musicale. Il primo è Leonard Cohen: Everybody Knows, tv movie del 2008 diretto da Jocelyn Barnabé e il secondo, datato 2005, diretto da Lian Nunson : Leonard Cohen: I’m your man, raccoglie testimonianze di artisti della scena musicale (Nick Cave, Bono Vox) che raccontano il loro rapporto con il cantautore . Basti solo visionare questi due documentari per comprendere a pieno la vastità e la complessità dell’importanza storica e musicale di questo artista.

Commenta su Facebook!

albertodelforno

View all posts