Si è svolto un incontro cordiale tra James Gunn e Alan Horn della Disney, che ha confermato il licenziamento da Guardiani della Galassia Vol. 3. Assente il boss Marvel Kevin Feige in disaccordo con la decisione.

La speranza di riavere James Gunn al timone di Guardiani della Galassia Vol. 3 era divampata nelle ultime settimane prima con la difesa pubblica del suo cast che ne chiedeva il reintegro, poi dei fan ed infine del presidente dei Marvel Studios Kevin Feige che ha fatto appello all’autonomia artistica rispetto alla Walt Disney Pictures.

Negli scorsi giorni era stato confermato che Alan Horn, l’uomo che aveva licenziato in tronco James Gunn dopo il riemergere di tweet vecchi di dieci anni contenenti battute inappropriate con black humour sulla pedofilia, avrebbe incontrato l’ex regista di Guardiani della Galassia e come riporta Variety i due si sono visti faccia a faccia.

L’incontro è stato molto cordiale, con James Gunn accompagnato anche dai suoi legali ma Alan Horn, a sorpresa, ha ribadito che l’azienda ha deciso di non cambiare idea preferendo salvaguardare la propria immagine. D’altronde dopo che la casa di Topolino ha cacciato John Lasseter per comportamenti inappropriati era davvero molto ottimistico pensare che potesse cambiare idea.

Guardiani della Galassia
James Gunn e Kevin Fage – Guardiani della Galassia

Un segnale importante è arrivato però dal fatto che Kevin Feige non ha partecipato a questo incontro, a rimarcare il fatto di come il licenziamento non sia avvenuto tramite l’avallo dei Marvel Studios che probabilmente nella prima volta in 10 anni di MCU subiscono la forte ingerenza Disney. Quali sono ora gli scenari futuri per Guardiani della Galassia?

I Marvel Studios loro malgrado sono ancora alla ricerca di un regista che possa completare la trilogia di Guardiani della Galassia, magari conservando lo script e la visione già ultimata di James Gunn anche perché altrimenti anche Dave Bautista ha minacciato l’addio. Uno dei franchising cinematografici più divertenti e sorprendenti della Marvel rischia di chiudersi in modo inglorioso, i Guardiani della Galassia non lo avrebbero meritato. Chissà se anche Kevin Feige dopo essere stato scavalcato in questo modo potrebbe valutare un clamoroso passo indietro. Ormai la confusione è sempre più totale.

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

View all posts

Iscriviti alla newsletter per tutte le ultime notizie!

Seguici sui social

RSS I Film in uscita