Dave Bautista è stato il primo a protestare contro la cacciata di James Gunn da Guardiani della Galassia Vol. 3, ora però rincara la dose definendosi nauseato dal comportamento della Disney.

La cacciata di James Gunn dalla Disney e il suo conseguente abbandono della regia per Guardiani della Galassia Vol. 3 sono probabilmente l’argomento più chiacchierato dell’estate. Nonostante una lettera firmata da tutto il cast che chiedeva il reintegro di James Gunn sembra che la Disney non abbia alcuna intenzione di rivedere la propria posizione. Anche Kurt Russell si è schierato a favore del regista, supportato anche dai fan che hanno firmato in più di 400 mila una petizione online.

Questa chiusura totale ha portato all’ennesima reazione forte di Dave Bautista, che era stato il primo a schierarsi apertamente al fianco del regista dei Guardiani della Galassia. Ecco un tweet in cui si definisce nauseato dal lavorare per la Disney, con cui è bloccato da obblighi contrattuali:

“Farò quello che legalmente sono obbligato a fare ma Guardiani della Galassia senza James Gunn non è quello per cui ho firmato il contratto. Guardiani della Galassia non è Guardiani della Galassia senza di lui.  È  piuttosto nauseante lavorare per qualcuno che ha autorizzato una campagna diffamatoria da parte di fascisti #cybernazis. Questo è quello che sento”.

Parole pensatissime quelle di Dave Bautista, che potrebbero anche aprire scenari impensabili per il suo rapporto con il MCU dato che le accuse alla Disney sono molto forti e precise. Chissà che il suo supporto a James Gunn non possa portare a soluzioni estreme.

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

View all posts

Iscriviti alla newsletter per tutte le ultime notizie!

Seguici sui social

RSS I Film in uscita