Come far perdere la testa al capo è disponibile in streaming su Netflix dal 15 Giugno. Ecco la nostra recensione della commedia romantica prodotta da Justin Nappi.

Come far perdere la testa al capo, ambientato in una New York in cui tutti i dirigenti trattano i propri sottoposti come spazzatura, seguiamo le avventure di Harper ( Zoey Deutch ) e Charlie ( Glen Powell ). I due ragazzi cospirano alle spalle dei propri capi per poter tirare un respiro di sollievo dalle loro stressanti vite lavorative.

Come far perdere la testa al capo – Harper e Charlie

Come far perdere la testa al capo | RECENSIONE

I tratti della tipica commedia romantica in cui tutto sembra essere prevedibile, i colpi di scena non sono tanto sorprendenti e il finale è proprio come l’avevamo immaginato in questo nuovo film sul catalogo di Netflix. Ma quello che rende Come far perdere la testa al capo un film da vedere sono le battute, lo spirito, l’humour e soprattutto i protagonisti: Zoey Deutch, Glen Powell, Lucy Liu e Taye Diggs.

Il primo incontro tra Harper e Charlie avviene in modo del tutto causale, entrambi terrorizzati dal poter lasciare il proprio capo senza cena decidono di dividersi un ordine d’asporto. Quasi subito capiscono che possono unire le proprie forze e le conoscenze sui rispettivi datori di lavoro per farli innamorare e avere più tempo per portare avanti interessi e vita privata. Harper sogna di diventare una giornalista sportiva e Charlie aspira in una promozione, per poter “essere lui quello a cui si conservano i posti alle grandi occasioni”.

Come far perdere la testa al capo – la storia d’amore tra i due capi

Vai a pagina 2 per leggere altri commenti su Come far perdere la testa al capo!

Cynthia Fiorillo

Viaggiatrice seriale. Vivo un po’ ovunque, in diversi luoghi tra il reale e l’immaginario. Con la testa nel Tardis e i piedi ben saldi a terra. Studentessa di ingegneria con la passione per la scrittura.

View all posts