Vittorio Taviani è morto a Roma all’età di 88 anni, con il fratello Paolo ha diretto tanti capolavori come “Padre Padrone”, “La Notte di San Lorenzo” , “Cesare deve morire”. Il loro ultimo film è stato “Una questione privata “

Vittorio Taviani è morto a Roma all’età di 88 anni, era malato. Una grave perdita per il cinema italiano, di cui con il fratello Paolo è stato straordinario autore. Il loro talento è stato riconosciuto in tutti i più importanti festival internazionali grazie a capolavori come “Padre Padrone”, Palma d’oro a Cannes nel ’77, “La Notte di San Lorenzo”, “Caos” e “Cesare deve morire“, Orso d’oro a Berlino nel 2012 riportando in Italia un premio che mancava dal 1991. L’annuncio è stato dato all’Ansa dalla figlia Giovanna.


Figlio di un avvocato dichiaratamente antifascista (cui le squadracce, durante la dittatura, fecero saltare in aria la casa) Vittorio frequenta la facoltà di Legge all’università di Pisa e nel frattempo, insieme al fratello anima il cineclub della città e organizza proiezioni anche a Livorno. Il sentimento antifascista ha accompagnato gran parte della loro carriera ed è stato fortemente ribadito all’ultima Festa del Cinema di Roma in cui Paolo è stato ospite proprio per presentare il loro ultimo film “Una questione privata“.

Per volontà della famiglia non ci sarà una camera ardente e neppure il funerale, il regista sarà cremato in una cerimonia privata.

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

View all posts