Vi Presento Christopher Robin diretto da Simon Curtis con protagonisti Domhnall Gleeson e Margot Robbie, ecco la nostra recensione in anteprima!

Domhnall Gleeson (Harry Potter, Star Wars: Il Risveglio Della Forza) interpreta Alan Milne – soldato inglese reduce della Prima Guerra Mondiale e autore delle rinomate avventure di Christopher Robin e Winnie The Pooh – in un biopic che vince, ma non convince (del tutto). Affiancato dall’affascinante Margot Robbie (I, Tonya, Suicide Squad) e dalla commovente Kelly Macdonald (Harry Potter, Ribelle: The Brave), Gleeson e il piccolo Tilston (al suo debutto cinematografico) ci presentano un’immagine pittoresca, ma anche malauguratamente grottesca, di quella che può essere la rincorsa della felicità quando questa dipende dalla fama ed è immersa in un contesto post-bellico. Vi Presento Christopher Robin diretto da Simon Curtis focalizza il proprio racconto sul periodo inglobante la creazione dell’opera più famosa di Milne e ciò che la segue, andando a toccare temi di una certa gravità e rilevanza.

Ma non bastano delle buone premesse e una fotografia di altissima levatura, che con i suoi tratteggi, giochi di luce e vibranti colori trasporta direttamente lo spettatore tra i boschi del Sussex – fonte d’ispirazione per la Foresta dei 100 Acri dei libri di Milne -, per rendere la pellicola emozionante e profondamente coinvolgente come ci si aspetterebbe in questa istanza. È infatti con risultati alterni che si riesce a esplicitare la visione dietro la sceneggiatura, troppo piatta e poco incisiva nella costruzione dei punti di svolta della storia – più che altro carente nel mantenere vivo l’interesse nelle scene di transizione – e che trova davvero la sua cifra stilistica nei paraggi del secondo atto, per poi perderla un po’ di vista nel finale. Ottime, invece, l’interpretazione e la resa registica di alcune idiosincrasie dei personaggi – la PTDS (sindrome post-traumatica) di Milne viene affrontata con efficacia e verosimiglianza, per non parlare degli atteggiamenti tipici del personaggio di Daphne (Margot Robbie), che poteva però essere approfondito maggiormente – che aggiungono spessore al film, senza per questo appesantirlo.

 

Interessante è poi vedere l’approccio alla celebrità e alla sua gestione in ambito familiare, specialmente quando questa va a intaccare e influenzare la crescita dei figli, dando luogo a situazioni poco piacevoli e decisamente non ideali. La superficialità della società alto-borghese dell’epoca viene chiaramente traslata nelle figure dei genitori poco presenti, forse estremizzandola a dismisura in alcune occasioni, ma pur sempre riconducibile a un contesto presumibilmente credibile. Costellato di citazioni da ricordare – bellissima la “teoria della felicità” enunciata dalla tata, Vi Presento Christopher Robin offre comunque un prodotto interessante e degno di visione, seppur non etichettabile come capolavoro assoluto.

Il film Vi presento Christopher Robin diretto da Simon Curtis arriverà nelle sale dal 3 gennaio 2018.

 

Laura Silvestri

View all posts