Home / Festival / Venezia 75, Una Storia Senza Nome: Quando l’arte incontra la Mafia | RECENSIONE
Venezia 75, Una Storia Senza Nome: Recensione del film di Roberto Andò
Venezia 75, Una Storia Senza Nome: Recensione del film di Roberto Andò

Venezia 75, Una Storia Senza Nome: Quando l’arte incontra la Mafia | RECENSIONE

Una Storia Senza Nome, presentato a Venezia 75, mette insieme arte, cinema, metateatro e Mafia. Ecco la nostra recensione del film diretto da Roberto Andò.

Come fa una giovane segretaria di un produttore a trovarsi imbrigliata in un misterioso furto, nonché una situazione potenzialmente molto pericolosa? Ce lo raccontano Roberto Andò, regista e co-sceneggiatore, e Angelo Pasquini, co-sceneggiatore, in Una Storia Senza Nome. Il thriller con Micaela Ramazzotti, Renato Carpentieri, Laura Morante e Alessandro Gassmann è stato presentato ieri a Venezia 75 (leggi la conferenza stampa). La protagonista è Valeria, che scrive per uno sceneggiatore ormai da tempo a corto di idee, Alessandro Pes. I guai della protagonista – e non solo – iniziano quando un poliziotto le racconta una storia per un film. Un racconto che coinvolge un quadro di un artista tra i più celebrati della storia dell’arte e la criminalità organizzata.

Una Storia Senza Nome | Recensione

Metateatro, arte e Mafia si incontrano in Una Storia Senza Nome. Alla base di tutto, c’è la storia vera di un quadro di Caravaggio, la Natività, rubato a Palermo nel 1969 e mai più ritrovato. Su questo grande mistero, ormai avvolto quasi nella leggenda, poggia le basi e gioca la pellicola. Il cinema viene esaltato come potente mezzo per raccontare delle storie, ma anche – come in questo caso – delle scomode verità.

Venezia 75, Una Storia Senza Nome: Recensione del film di Roberto Andò
Una Storia Senza Nome | Micaela Ramazzotti interpreta Valeria Tramonti

La protagonista del film, impersonata da Micaela Ramazzotti, è una donna dura, decisa a non mollare e a non lasciare “mai una storia a metà”. Va avanti, nonostante il tutto la porti in una situazione di evidente pericolo, dove chiunque si sarebbe tirato indietro. Non la si definirebbe del tutto emancipata: la spinta di personaggi maschili come Alberto (Renato Carpentieri) o Alessandro (Alessandro Gassmann) è evidente nel suo percorso.

Venezia 75, Una Storia Senza Nome: Recensione del film di Roberto Andò
Una Storia Senza Nome | Laura Morante è Amalia Roberti, la madre di Valeria

Una Storia Senza Nome è dotato di un certo grado di poesia, tra le splendide inquadrature di una regia dinamica e attenta ai particolari. Il ritmo viene scandito da un’incalzante colonna sonora, che dona l’atmosfera di un thriller: la narrazione non ha bisogno di scene particolarmente crude o violente. Il risultato è un film gradevole, che cattura l’interesse dello spettatore utilizzando l’arte nelle sue molteplici forme: da Caravaggio, alla musica, al materiale audiovisivo.

[yasr_overall_rating]

Rimanete aggiornati su tutte le novità dal mondo del cinema seguendoci anche sulla nostra pagina Facebook: Talky Movie.

About Valentina Albora

Check Also

Locarno 2019 Piazza Grande

Locarno 2019, Piazza Grande Midnight Screenings

Lilli Hinstin, nuovo direttore artistico del Locarno Film Festival, sta ponendo da tempo le basi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *