sabato , 20 Aprile 2019
Cannes 2018, BlacKkKlansman: Recensione, Spike Lee contro il Ku Klux Klan

Cannes 2018, BlacKkKlansman: Recensione, Spike Lee contro il Ku Klux Klan

Cannes 2018, BlacKkKansman di Spike Lee irrompe al festival con la vera storia di Ron Stallworth e ci porta dentro uno dei problemi irrisolti degli Stati Uniti D’America dove il razzismo è ancora vivo anche per colpa dell’attuale presidente Donald Trump.

BlacKkKansman

Colorado, anni ’70. Ron Stallworth entra nel Dipartimento di polizia di Denver dopo la laurea. Fra i suoi primi incarichi c’è quello di infiltrarsi a un incontro con il leader afroamericano Stokey Carmichael, dove Ron si imbatte in Patrice, una organizzatrice dell’evento e convinta sostenitrice del movimento di auto-affermazione black. È un risveglio per il giovane che fino a quel momento sembrava non aver prestato troppa attenzione alla propria appartenenza razziale, né troppo valore al proprio background etnico.

Se la 25° ora si poteva considerare una delle vette del cinema di Spike Lee, questa volta ci tocca declassarlo come nella classificazione delle vette, per porre il nuovo Everest del cinema del regista afroamericano:BlacKkKansman. La pellicola  in concorso a Cannes rappresenta il FILM a caratteri maiuscoli da vedere al cinema, speriamo a breve nel nostro paese,  un vero capolavoro.

Fin dall’inizio si viene coinvolti, in questa storia vera, quella di Ron Stallworth, poliziotto nero infiltrato nel Ku Klux Klan alla fine degli anni ’70, storia raccontata nel suo libro autobiografico “Black Klansman”.

La fusione di dramma, politica, e al tempo stesso una giusta dose di ironia rendono la pellicola memorabile. Una confezione perfetta con  la geniale regia di Spike Lee, che ha collegato la storia alle recenti  vicende di razzismo attuali, con un  finale fin troppo  politico.

L’impegno politico e sociale del regista non è certo una novità, tanto da fargli dichiarare in  conferenza stampa che il suo presidente, di cui non fa il nome, è un “Motherfucker” (il termine più offensivo della lingua americana), ma dobbiamo dare atto al coraggio di Spike Lee di non aver alcun timore reverenziale, se l’America con tutte le sue contraddizioni ci ha insegnato che la libertà di parola va rispettata, l’insulto, decisamente pesante, nei confronti dell’attuale Presidente viene in un certo senso attutito dal valore artistico di BlacKkKansman.

Nella pellicola attraverso la scelta di un  linguaggio fin troppo realistico e colorito,  per volontà del regista stesso, riesce a riportare l’odio verbale da parte dei membri del KKK, i quali senza alcuna censura, insultano con una serie di parolacce dirette neri, ebrei ed omosessuali.

BlacKkKansman

Il cast, a dir poco perfetto, vede due grandi attori, uno bianco e l’altro nero,   Adam Driver e John David Washington, che grazie ad una perfetta alchimia , e tanto umorismo, riescono a raccontare una storia paradossale, quasi da barzelletta.

Paradossale e da barzelletta perché un afroamericano e un ebreo che si infiltrano in un gruppo di americani suprematisti bianchi e  riescono ad ingannarli sino ad ottenere il rispetto del grande capo suona come incredibile.

Il grande capo è David Duke, Grand Wizard del KKK, interpretato da Topher Grace, che è stato psicologicamente provato dal personaggio tanto da fargli dichiarare in conferenza stampa : “Non farei mai un ruolo del genere per nessun altro regista”.

BlacKkKansman

Retto da una sontuosa colonna sonora composta dal jazzista Terence Blanchard (che aveva già collaborato con il regista in Malcolm X e Inside Man), BlacKkKansman porta l’azione e al climax, come ogni poliziesco che si rispetti, ad altissimi livelli  fino al vero finale del film costituito dalle vere immagini dei recenti attacchi violenti contro i cittadini afroamericani a Charlottesville, e da un frammento del discorso del presidente Trump (che in realtà ha condannato i fatti) che lo mette in cattiva luce. Ma l’odio razziale è sempre presente, e anche se Spike Lee risulta forse troppo schierato su posizioni estreme, la violenza viene sempre condannata dal regista, che con questa pellicola vuole ricordare al suo paese e al mondo che c’e’ ancora molto da fare contro questa piaga.

Nota per Cannes 2018, BlacKkKansman trionfo di critica e pubblico e premio certo, staremo solo a vedere quale.

[yasr_overall_rating]

About Roberto Leofrigio

Guarda anche

Justice League

Justice League: Ecco chi avrebbe interpretato Darkseid

La foto di Darkseid di Ray Porter sembra confermare il suo ruolo come villain nell’ideale …